Governo Berlusconi: intercettazioni e “il bene del paese”


“Non emetteremo mai una legge o un provvedimento che possa ridurre anche di un briciolo la libertà dei cittadini e quella sulle intercettazioni sarà la prima legge che approveremo”.

Lo ha detto Silvio Berlusconi, parlando dal Palapartenope, dove partecipa alla seconda convention internazionale “Italiani nel mondo”. “Le intercettazioni — ha spiegato — saranno consentite solo per terrorismo, mafia e camorra”. Per chi dovesse ordinare intercettazioni al di fuori di questa categoria, Berlusconi propone “cinque anni di prigione per chi le ordina, cinque per chi le esegue e due milioni di multa per chi le usa”.

fonte

Analizziamo…

Annunci

2 thoughts on “Governo Berlusconi: intercettazioni e “il bene del paese”

  1. mauchi ha detto:

    Anche Brega Massone pensava al bene pazienti.
    O forse ai beni dei pazienti.

  2. Andy ha detto:

    un bel discorso sul nulla, che non serve a niente perche’ ancora non si e’ deciso come sara’ la nuova legge sulle intercettazioni, complimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...