Schifani contestato


Alla festa di Torino rivolta del pubblico durante il faccia a faccia fra il presidente del Senato e Fassino quaranta minuti parlando come al solito di riforme senza dire una parola sulla mafia né sulla legalità

Il servizio d’ordine impedisce al Popolo viola e ai militanti del Movimento 5 stelle l’ingresso nel tendone dove Schifani è stato invitato a confrontarsi con Fassino. Ma tra il pubblico, composto anche da semplici cittadini, serpeggia il malumore. In prima fila alla seconda carica dello Stato, che ancora non chiarisce i suoi rapporti con personaggi legati a Cosa nostra (articoli di Peter Gomez: prima parte – seconda parte), vengono mostrate le agende rosse. Lui ribatte: “Siete un esempio di antidemocrazia, perchè volete impedire a due personalità politiche di parlare”. Fassino definisce “squadristi” i contestatori e dice: “Vi riempite la bocca della parola mafia e dimenticate che noi siamo il partito di Pio La Torre e di Piersanti Mattarella”. Poi si continua a discutere di modernizzazione dello Stato e Schifani ricorda i “punti notevoli d’intesa fra maggioranza e opposizione”. Youdem, la tv dei democratici, “per un problema tecnico”, posticipa la diretta. E mentre Napolitano, Pd e maggioranza difendono il presidente del Senato, Di Pietro e Grillo annunciano: “È solo l’inizio”

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...