Beppe Grillo e la Meccanica di una Rivoluzione


Ieri ci sono stati scontri in numerose città italiane. Molti se ne sono compiaciuti volendoci intravedere la scintilla di una rivolta che tutti auspicano, ma che nessuno ha il coraggio di iniziare. Io no, non me ne sono compiaciuto. Non mi piace che i ragazzi e le ragazze stiano a beccare legnate per strada mentre papà, mamma, fratello maggiore e nonni sono chi blindato in casa a farsi fottere il cervello dalla televisione, chi in una curva di stadio a combattere una guerra tanto cruenta quanto inutile e chi, in ufficio o alla linea di produzione, zitto zitto a leccare il culo al capoturno nella speranza di tutelare il suo sacro diritto a prenderlo fra le chiappe e a beccarsi un tumore a 1200 euro al mese.

Spettacoli televisivi a parte, in questi mesi siamo ad un bivio storico. Si può scegliere di rimanere nel solco tracciato dai Grandi Timonieri illudendosi di cambiare mettendo in campo nuove facce, ma continuando esattamente nella stessa direzione o rovesciare il tavolo, sparigliare le carte, fare una pulizia totale, riconciliarsi con il proprio orgoglio, lasciare casa dei genitori ed affrontare, finalmente, la vita senza qualcuno che decida cosa sia meglio per noi dopo aver salvato il culo a Chiesa, Sindacati e Istituzioni Bancarie.

In questo senso la Grande Occasione ce la offre Beppe Grillo. Ieri, per la prima volta, ha gettato la maschera. Grillo non vuole governare, Grillo vuole la rivoluzione, tant’è vero che chiede alla polizia di abbandonare la divisa e unirsi ai dimostranti

Polizia, chi stai difendendo? Chi è colui che colpisci a terra? Un ragazzo, uno studente, un operaio? E’ quello il tuo compito? Ne sei certo? Non ti ho mai visto colpire un politico corrotto, un mafioso, un colluso con la stessa violenza. Ti ho visto invece scortare al supermercato una senatrice o sfrecciare in moto affiancato ad auto blu nel traffico, a protezione di condannati in giacca e cravatta, di cosiddetti onorevoli, dei responsabili dello sfascio sociale che invece di occuparsi dello Stato si trastullano con la nuova legge elettorale per salvarsi il culo e passano le serate nei talk show. Di improbabili leader a cui non affideresti neppure la gestione di un condominio che partecipano a grotteschi confronti televisivi per le primarie. Loro “non tengono” vergogna, tu forse sì. Lo spero. Soldato blu, tu hai il dovere di proteggere i cittadini, non il Potere. Non puoi farlo a qualunque costo, non scagliando il manganello sulla testa di un ragazzino o di un padre di famiglia. Non con fumogeni ad altezza d’uomo. Chi ti paga è colui che protesta, e paga anche coloro che ti ordinano di caricarlo. Paga per tutti, animale da macello che nessuno considera e la cui protesta, ultimo atto di disobbedienza civile, scatena una repressione esagerata. Soldato blu, ci hanno messi uno contro l’altro, non lo capisci? I nostri ragazzi non hanno più alcuna speranza, dovranno emigrare o fare i polli di allevamento in un call center. Tu che hai spesso la loro età e difendi la tua posizione sotto pagata dovresti saperlo. E’ una guerra, non ancora dichiarata, tra le giovani generazioni, una in divisa e una in maglietta, mentre i responsabili stanno a guardare sorseggiando il tè, carichi di mega pensioni, prebende, gettoni di presenza, benefit. Soldato blu non ti senti preso per i fondelli a difendere l’indifendibile, a non schierarti con i cittadini? Togliti il casco e abbraccia chi protesta, cammina al suo fianco. E’ un italiano, un’italiana come te, è tuo fratello. è tua sorella, qualche volta, come ieri per gli operai del Sulcis, un padre che ha sputato sangue per farti studiare. Sarà un atto rivoluzionario.

Di questa Grande Occasione gli italiani dovrebbero essere infinitamente grati. Non gli viene chiesto di scendere per strada, incendiare automobili, invadere le prefetture e impiccare con le proprie mani sindaci, consiglieri regionali e segretari di partito. Non gli viene chiesto di rischiare la pelle assaltando le caserme o i posti di blocco delle truppe lealiste. Non gli viene chiesto di nascondersi nelle cantine a preparare bombe col salnitro o assalti a colonne corazzate. Gli viene semplicemente chiesto di entrare in una cazzo di cabina elettorale e affogare il sistema dei Bersani, Berlusconi, Casini, Alfani, Fini e compagnia bella con una cazzo di crocetta di merda fatta con una matita del cazzo che non devono nemmeno portare dalla loro cazzo di casa di merda ma che la trovano già lì temperata e buona.

Beppe Grillo
Di Liwax from flickr

Non mi piace Grillo, non mi è mai piaciuto, ma oggi Grillo, fino alla morte Grillo. Non mi interessa cosa pensa di Europa, euro, banche, diritti civili, immigrazione o ecologia. Me ne strafotto. Mi interessa solo ed esclusivamente la Grande Occasione che mi offre di giustiziare democraticamente e pacificamente in blocco un’intera classe dirigente, un sistema di potere, quel reticolo di legami che hanno imbrigliato ed inebetito questa nazione. Grillo, con la sua rivoluzione servita a domicilio ancora calda e croccante, rappresenta anche l’unica vera opportunità che abbiamo per capire chi siamo e quanto cazzo valiamo. Vota i Bersani, i Casini, gli Alfani, i Berlusconi, i Fini, i Rutelli e Tabacci e rimani a casa dei genitori, con l’obbligo di rientrare alle nove di sera, con la prospettiva di prendere il posto di papà quando andrà in pensione, a farti le pugnette chiuso in bagno guardando le foto della zizzona di turno su Panorama. Vota Grillo e sfonda la porta di casa con un calcio, esci per strada e metti il coltello alla gola a chi ti ha ridotto la merda che sei. Poi, magari, si finisce morti di fame sotto un ponte, ma la scelta è se vivere da capre o crepare da uomini. Scegli merda e poi non rompere il cazzo se ti tocca ingoiare la merda della Merkel come se fosse la migliore cioccolata spalmabile del mondo.

Smettila di pensare a cosa succederà dopo. Ti hanno ridotto una larva terrorizzandoti sul “cosa sarà dopo“. Di che hai paura? Di rimanere senza lavoro? Di non avere quattrini per comprare una casa? Del fatto che i tuoi figli non troveranno lavoro? Di perdere la tua postazione in cuffia al call center? Di non avere una pensione? Sveglia coglione! E’ già così, con l’aggravante che in questa enorme macchina del nullismo tu non conti un beneamato cazzo, vieni ultimo nella fila dopo lo stato, le regioni, le province, i comuni, le circoscrizioni, l’amministratore del tuo palazzo, le macchine blu, le consulenze, i gemellaggi, il finanziamento pubblico dei partiti, il finanziamento dei giornali, i vitalizi, la chiesa, il sindacato, le banche, l’Europa, le troie bocchinare di Silvio, Barbara D’Urso, Rutelli, la moglie di Rutelli, il cognato di Fini, i viaggi per rilassarsi di Fiorito, il figlio di Bossi, il figlio di Di Pietro, il figlio di Lombardo, la figlia della Fornero, il figlio della seconda moglie di Bondi, Martone il viceministro, Sallusti, la nipote di Mubarak, la figlia dell’autista di Craxi, il figlio di Craxi, la figlia di Craxi, la moglie di Mastella, Mastella, la moglie di Fassino e altre diciassettemilioniquattrocentoventiseimilacinquecentoventotto voci che non ti elenco per non farti venire la voglia di metterti un tubo di gas nel culo e crepare scoppiando come un palloncino di cazzo.

Guy Fawkes
Di mini_tsuby from flickr

Che hai da perdere merda? La panza che ti sei fatto stando seduto come un ficus davanti a uomini e donne di Maria de Filippi? Hai paura che Berlusconi non ti compri il tuo calciatore preferito? Pensi che il tuo capoufficio illuminato, quello che una volta votava democrazia cristiana e oggi fa la propaganda per le primarie del PD, si possa adontare? Hai paura che ti graffino la macchina o, più semplicemente, hai il terrore di cambiare, di non vedere più le solite facce di cazzo che ti spiegano cosa pensare, come dirlo e a che ora fare la cacca la mattina?

Votare Grillo, a mitraglietta. Spazzare, processare, bandire, incarcerare, incendiare, abbattere, espellere, far cacare sotto l’Europa e il resto del mondo che sulla tua rassegnazione a prendere il cazzo nel culo hanno già investito i loro miliardoni. Sedersi vestiti da pagliacci al primo summit europeo e vedere che effetto fa dire che o se ne esce tutti insieme, perdendoci un po’ tutti e vivendo con meno, ma da Atene a Berlino, o si rovescia il tavolo e muoia Sansone con tutti quei cacacazzi di Filistei.

E dopo? Dopo si vede. Un passo alla volta. Se Grillo va bene, allora si va avanti, se no lo si impicca e lo si dimentica. Chi di rivoluzione ferisce, di rivoluzione può anche perire. Noi dobbiamo solo capire se siamo delle merde che meritano di essere solo pestate o se abbiamo ancora un’individualità che è in grado, se serve, di tagliare qualche gola. E’ tempo di decidere perché se Grillo non brucia l’Italia ne verrà lentamente ed inesorabilmente incenerito e noi rimarremo quello che siamo oggi. Per sempre.

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...