#CharlieHebdo, giusto due cose da sapere prima di prendersela con tutti i musulmani


cristiani-musulmani

Lo so, siete lì pronti a condividere gli articoli di Oriana Fallaci che “ah, aveva capito tutto”, oppure state facendo like a qualche proposta di Matteo Salvini o Maurizio Gasparri, o vi date un tono andando sulla pagina di Marine Le Pen anche se non conoscete una parola di francese.

Non voglio interrompervi, per carità. Sai che palle questi “maestrini della sinistra buonista” (definizione che mi guadagno in automatico perché ho un blog sull’Espresso).

Giuro, vi rubo solo un minuto. Per elencarvi giusto alcuni FATTI che, ne sono certo, non incrineranno in alcun modo le vostre granitiche convinzioni sul fatto che i musulmani sono tutti estremisti e che comunque è colpa degli immigrati:

– Tra i dodici morti della strage di Parigi ci sono il correttore di bozze Mustapha Ourrad e il poliziotto Ahmed Merabet. Probabilmente sono musulmani anche loro;

– Il consiglio francese per il culto musulmano ha condannato senza discussioni la strage. «A nome dei musulmani di Francia, nella loro quasi unanimità, sono qui per condannare l’orrore di questo crimine indicibile»: lo ha detto il presidente del Consiglio francese per il culto musulmano, Dalil Boubakeur, giungendo davanti alla redazione di Charlie Hebdo a Parigi. «Ci inchiniamo davanti a tutte le vittime di questo dramma orribile» (fonte);

– Per quelli che “vabbeh ma a condannare sono buoni tutti”: in Francia i musulmani hanno manifestato anche contro l’Isis mesi fa (fonte: Avvenire), cosa che è successa anche in Italia;

– I due principali sospettati dell’attentato sono franco-algerini. Cioè non sono immigrati e hanno il passaporto francese. Quindi tutto il discorso su Mare Nostrum e sull’immigrazione in Italia (che, attenzione, è un discorso assolutamente legittimo), non ha alcun senso venga fatto in questa circostanza. Perché, appunto, non c’entra nulla;

– Nel 2014 sono stati uccisi circa 90 tra giornalisti e operatori nel mondo. Tutti hanno in mente le immagini dei reporter americani decapitati dall’Is. In realtà, numericamente, sono molti di più i Mohamed, i Yusuf, gli Omar ammazzati tra Siria e Palestina: si tratta di giornalisti locali, quasi sempre musulmani, uccisi da terroristi, delinquenti e dittatori dei loro paesi. Quindi i musulmani non sono tutti uguali e vengono spesso ammazzati perché chiedono la libertà di stampa.

– In Europa ci sono tra i 20 e i 30 milioni di musulmani. Questa cosa può piacere o meno, ma è un dato di fatto. Non sono tutti terroristi, non sono tutte brave persone.

– Prima di invocare il ritorno della pena di morte (come chiede la Le Pen) o l’uso di torture gratuite sui terroristi, vale la pena ricordare che uno dei due sospetti attentatori, Cherif Kouachi, è diventato un fanatico islamista dopo aver visto le torture inflitte ai reclusi ad Abu Ghraib (fonte: New York Times). Quindi lo sfogo violento rischia di alimentare solo altra violenza.

E quindi alla fine di questo bell’elenco da anima candida della sinistra voglio dirvi che va tutto bene, che è tutto a posto? No.

Integrazione, immigrazione e contrasto al terrorismo sono tre temi enormi che creano problemi nella vita di tutti i giorni ed hanno conseguenze infinite. Però, se si decide di discuterne, bisogna capire che non ci sono formule facili, non ci sono bianchi e neri ed è tutto dannatamente più complicato di quanto un talk show, un tweet o un post su questo blog possano fare capire.

Fonte

6 thoughts on “#CharlieHebdo, giusto due cose da sapere prima di prendersela con tutti i musulmani

  1. mi sembra tutto puerilmente banale in questo articolo (o forse sono io che ste cose le sapevo già…) solo una precisazione: il fatto che gli attentatori musulmani abbiano ucciso altri musulmani non è di certo un punto a favore dell’islam o dei suoi seguaci…semplicemente i terroristi idioti già per definizione lo sono ancora di più perchè combattono innomedi, non sanno cosa a favore di nonsappiamochi e contro nonricordiamoilperchè… RIDICOLI!

    • Neuro scrive:

      Riportare il fatto che abbiano ucciso anche dei musulmani non è per giustificare l’atto o sminuirne la gravità, ma è solo per dire che chi pensa che i musulmani siano tutti uguali forse si sbaglia. Ci sono musulmani che credono negli stessi valori di libertà e uguaglianza di “colleghi cristiani” o qualunque altra religione e infatti subiscono la stessa sorte inflitta dai fondamentalisti che vogliono solo imporre il loro pensiero. Poi affermare che sono solo dei poveri idioti e non sapevano bene cosa stessero facendo e perché lo stessero facendo, permettimi che questo è decisamente “puerilmente banale”.

      • veramente io intendevo che essere terroristi è stupido… come si può essere in contrasto con questa affermazione?
        inoltre, cosa centra l’ugualianza dei musulmani coi cristiani col fatto che alcuni srtronzi musulmani hanno ucciso altri civili musulmani?? perdonami ma qua il gap logico è notevole….

  2. Neuro scrive:

    Evidentemente non ci siamo capiti. Il messaggio dell’articolo (che non ho scritto io ma che ho solo riportato come spesso faccio) è che non tutti i musulmani sono estremisti o peggio ancora terroristi e sei sei daccordo con questa affermazione di cosa stiamo discutendo?

  3. cogdan scrive:

    Mai pensato che forse non esistono religione moderate? Moderate su che base? Chi definisce il limite di cosa è tollerabile e cosa no? Il buon senso comune? La morale? L’etica?
    Ma visto che queste “cose” cambiano in base al tempo e al luogo ognuno può interpretare i fatti come “estremismo” o “minimo sindacale”… ed inoltre questa discussione potrebbe andare avanti per ore senza però arrivare al dunque…
    Proviamo a cambiare un pò le carte in tavola? La domanda è questa:

    E’ giusto rispettare la religione? Volenti o nolenti le religioni influenzano le nostre vite… e i fatti di terrorismo sono solo i più evidenti…
    Quali altre “cose” rispettiamo senza alcuna prova di veridicità?

    Io inizio a pensare (ho da poco abbracciato questo pensiero, quindi lo sto ancora elaborando) che il motivo per cui i terroristi si “sacrificano” sia per un semplice fatto: “credono veramente in quello che fanno”.
    Non lo trovo più estremista di “Dio esiste. Non ho le prove ma ho la fede. E la fede è un dono.”.
    In entrambi i casi si sta credendo a qualcosa di illogico. In entrambi i casi si eseguono azioni irrazionali. Poi discutere se l’azione è moralmente giusta o no secondo me ha poco senso… è un’azione basata su una “grandissima cazzata”… togliamo la cazzata e non dovremmo più discutere di queste cose.

    Ovviamente è il mio umile pensiero… ripeto sono ancora in fase di elaborazione della cosa… ma più ci penso e più il “rispetto” per le religioni… è un dogma al quale non voglio più sottostare!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...